Lettera al mio amico

Written by on marzo 14, 2018

davide paccassoni mental coach certificato CMC Italia formazione per il successo

Sono giorni che penso a come dover inizare questo articolo, dico davvero, volevo essere originale, quasi essere diverso dai soliti articoli, invece mi ritrovo a scrivere e a cancellare, a riscrivere e a ricancellare.

Non so se ti è mai capitato! Poi ad un certo punto però, almeno a me, qualcosa di buono esce sempre.

Ecco! Forse ho trovato l’ispirazione! E se scrivessi questo articolo come fosse una lettera scritta ad un mio amico?

Sono pronto mi piace, anche perchè scrivere una lettera oggi è diventata una rarità e quindi differenziante!

Vai si parte.

Ciao Carissimo, come stai?

So che in questi ultimi giorni ci siamo sentiti poco, i numerosi impegni e gli eccessivi carichi di lavoro ci portano in alcuni momenti della nostra vita a distrarci, ad allontanarci e poi ti conosco troppo bene, cavolo, come mi allontano tu vai nel pallone, come se per te fossi il tuo “consigliere personale”.

Quante volte ti ho detto che non voglio darti consigli!

Ogni volta che venivi da me a chiedermi consigli cercavi sempre la mia approvazione, la mia autorizzazione ed io volevo invece che venissi con le idee chiare, con un prospetto o un progettino che potevamo valutare insieme.

Mi piacevi quando gli ultimi giorni che ci vedevamo venivi deciso e mi dicevi:”Sai Davide, ho in mente di creare X per motivare i miei dipendenti e utilizzando Y sono certo che riuscirò a raggiungere il mio obiettivo“.

Hey, magari non eri il genio della creatività, ma quanto ti adoravo quando prendevi l’iniziativa e ti buttavi così.

Ti ricordi quando ci siamo visti per la prima volta?

Demotivato, non sapevi da dove iniziare, avevi i tuoi collaboratori allo sbando, ognuno perso per i fatti sui (come diceva il grande Vasco) senza un direzione e con poche idee per riportare in alto la tua attività.

Ancora ho in mente di quando mi raccontasti di quel cliente che si lamentava del prezzo troppo alto, ripeteva che per lui era davvero troppo oneroso e non poteva permetterselo e tu hai fatto scena muta, anzi ha pure scroccato il tuo caffè e se ne è andato senza comprare.

Quante risate insieme, vero?

E quel distributore del caffè?

Se potesse parlare, quante confessioni potrebbe rivelare ma sopratutto idee di strategie commerciali o di vendita. Ora se potessi assumerlo sarebbe il tuo miglior collaboratore.

Adesso ti lascio, è stato bello scriverti così come quando scrivevo alla mia vecchia amica di penna, quando le scrivevo con così tanto entusiasmo che ogni giorno andavo a controllare la buca delle lettere per vedere se mi avesse risposto.

Non sentici per così tanto tempo mi dispiace lo ammetto, mi manchi davvero, ma se non ci sentiamo è per una buona causa.

Significa che il lavoro fatto insieme è stato ECCELLENTE ed ora starai già programmando e progettando una nuova idea di Business.

Buon Business di Eccellenza amico mio

tuo

Davide




Continue reading


Please visit Appearance->Widgets to add your widgets here